Le corrispondenze simmetriche – Parte Seconda

maggio 4, 2013 | 0 Commenti

Eccoci al secondo appuntamento con la Tabella delle corrispondenze simmetriche in base alla quale, come vedremo, siamo nelle condizioni per operare e ricavare delle ottime e ristrette previsioni per il gioco di ambata ed ambo secco. L’iter operativo è molto semplice: attendere l’uscita di un ambo appartenente alle terzine simmetriche e mettere in gioco la terzina corrispondente della simmetrica cui appartiene l’ambo sorteggiato.

Questa terzina va puntata, principalmente, per ambo a tutte e seguita per almeno 8 colpi (ricordo che l’ambo in terzina, a tutte, paga 8,3 volte la posta). Consiglio, personalmente, di “estendere” la giocata almeno fino al limite di 12 estrazioni adeguando, ovviamente, la posta per i colpi residui. Chiaramente si segua le “solita” precauzione, ovvero non mettere in gioco quelle previsioni che presentino sfaldamenti anticipati nelle 6-8 estrazioni precedenti o in quella di calcolo. Ecco alcuni esempi di gioco:

Estrazione del 24/9/2003

Escono ben 5 ambi appartenenti alle terzine simmetriche. Nella tabella 1 riportiamo lo specchio riepilogativo degli esiti:

lotto-previsione-estratti-tecniche-di-gioco

Estrazione del 27/9/2003

Escono 3 ambi appartenenti alle terzine simmetriche i cui esiti sono riportati nella tabella 2:

lotto-previsione-estratti-tecniche-di-gioco-terzine simmetriche-ambi-ambisecchi

Questo procedimento, che si inquadra nel filone delle “tecniche-visive” ha un buonissimo indice di convenienza. Da una analisi statistica dei casi rilevati nell’ultimo anno di estrazioni ha infatti avuto un lusinghiero 70% circa di esiti positivi.

Spendiamo infine qualche parola sulla “convergenza” che spesso può verificarsi tra due o più previsioni, rendendo, di fatto, il gioco quasi infallibile. Se, in occasione di previsioni relative a 2-3 estrazioni consecutive, si evidenzia per il gioco la medesima terzina, si verifica una “convergenza” della previsione sulle ruote di ricerca che, pertanto, restano le più probabili alla sortita dell’ambo corrispondente. Questo vuol dire che, oltre al gioco a tutte, può essere seguito anche un gioco ristretto sulle ruote evidenziate.

Ma l’utilizzo della Tabella delle corrispondenze simmetriche permette allo scommettitore di avere immediatamente delle utilissime indicazioni su come sfruttare quelle situazioni estrazionali in cui compaiano ambi appartenenti alle terzine simmetriche. Nella prima parte di questo articolo abbiamo visto come utilizzare le terzine definite “corrispondenti”. Questa volta, invece, vedremo come muoverci sfruttando il valore sommativo (penultima colonna della “Tabella delle corrispondenze simmetriche”). Il valore sommativo, come si nota facilmente osservando la tabella, spazia tra il numero 3 ed il numero 90 ed è incrementato, per ogni terzina, a passo 3.

Partendo dalla prima terzina simmetrica 1-31-61 (il cui valore sommativo è 1+31+61 = 93-90 = 3), si arriva alla terzina 30-60-90 (il cui valore sommativo è 30+60+90 = 180-90 = 90). L’incremento scalare di 3 unità tra una terzina e l’altra è molto importante: vediamo perché e come va utilizzato. Nella estrazione del 3/12/2003, sulla ruota di Cagliari, si rileva la presenza dell’ambo simmetrico 26-56 che appartiene alla terzina 26-56-86 il cui valore sommativo è 78. Ora se andiamo a sottrarre ed addizionare ai due numeri dell’ambo 26-56 il fattore scalare 3 avremo:

lotto-previsione-estratti-tecniche-di-gioco-terzine simmetriche-ambi-ambisecchi

I nuovi elementi ricavati fanno parte di due nuove terzine: 29-59 della terzina 29-59-89 e 23-53 della terzina 23-53-83. Queste due terzine hanno come valore sommativo 87 e 69. In pratica, disponendo in ordine crescente per decina di appartenenza i numeri usciti e le proiezioni a passo 3, si prefigurano tre terne di numeri:

23-26-29                              53-56-59                              83-86-89

Orbene, non è infrequente che quando sulla ruota di rilevazione dell’ambo simmetrico di partenza esce uno dei numeri di “proiezione”, nel nostro caso uno tra 23-29-53-59, nelle estrazioni successive si assista ad uno sfaldamento di ambo di una delle tre terne ordinate per decina.

Nel caso in esame, il 24/12/2003 uscì su Cagliari il numero 23, seguito dopo 4 estrazioni dall’ambo in terzina 56-59.

Ma non è solo questa l’applicazione possibile facendo riferimento al valore sommativo, anzi, oserei dire, che questa è solo una constatazione visiva. Il valore sommativo delle 3 terzine è, come visto, pari a 69-78-87. Tra il valore più basso 69 e quello più alto 87 passa un intervallo di 18 unità. Ritorniamo ai due numeri estratti 26 e 56. Operiamo una proiezione del valore 18 sui due elementi:

lotto-previsione-estratti-tecniche-di-gioco-terzine simmetriche-ambi-ambisecchi

Successivamente operiamo la somma ad incrocio dei quattro nuovi numeri:

44+38 = 82                          74+8 = 82

Tale valore somma rappresenta l’ambata secca da mettere in gioco sulla ruota di Cagliari, cui vanno abbinati, per la sorte di ambo, i due numeri dell’ambo simmetrico sortito. La previsione, pertanto, risultava essere composta dall’ambata 82 e dagli ambi secchi 82-26 / 82-56 su Cagliari e tutte. Il gioco, nel caso in esame, si presentava già sfaldato per la presenza dell’ambo secco 82-56 su Venezia (tutte) alla medesima data del 3/12/2004. Al limite lo si sarebbe potuto praticare per la sola sorte dell’ambata che, dopo 8 colpi, in data 31/12/2003, si presentò puntuale con l’uscita dell’82 su Cagliari.

continua…

Category: Tecniche di previsione - Lotto

Lascia una risposta