La media armonica degli estratti – Seconda Parte

settembre 5, 2013 | 0 Commenti

La tavola pubblicata e la formula ideata da Longo erano dirette, principalmente, al gioco di ambata, anche se lo stesso, provò, con alterne fortune, ad indirizzare il suo studio alle sorti dell’ambo. Nel lungo scambio di idee che avemmo alla fine degli anni 90, entrambi arrivammo ad una identica constatazione. La formula della media armonica, con opportuni correttivi, poteva essere applicata tranquillamente anche al calcolo delle distanze. Ve ne do un esempio lampante.

Si deve ricercare, sulla medesima ruota, una distanza comune a 3 estratti, ovvero due ambi, che abbiano un numero in comune, con la stessa distanza.

Estrazione del 3 Luglio 2007

Sulla ruota di Bari si rilevano gli ambi 23-9 e 9-85, entrambi con distanza 14 e con in comune il numero 9. La formula diventa:

La-media-armonica-degli-estratti

dove n = al totale dei numeri coinvolti nel calcolo (nel nostro caso 3) e d = alla distanza comune eguale tra i due ambi considerati.

Lo sviluppo della formula è il seguente:

1:03 = 0,333
1:14 = 0,071

Da cui abbiamo:

1/0,333 x (0,071 x 2) = 1/ 0,333 x 0,142 = 1/ 0,047269 = 21,14790

La parte intera del numero ottenuto, nel caso in esame 21, costituisce la distanza attendibile per il ricavo dell’ambata da porre in gioco sulla ruota di Bari per un massimo di 15 colpi. Nel caso illustrato, avremo:

23 + 21 = 02.44                  09 + 21 = 30.78                  85 + 21 = 16.64

Passeremo poi a sommare le varie coppie tra loro:

44+78 = 32                                         44+64 = 18                                         30+64 = 04
02+30 = 32                                         02+16 = 18                                         16+78 = 04
44+30 = 74                                         44+16 = 60                                         30+16 = 46
02+78 = 80                                         02+64 = 66                                         78+64 = 52

Dalle operazioni di somma si evidenzia la ripetizione dei numeri 32-18-04 che costituiscono una valida terzina da puntare per il gioco di ambo sulla ruota di Bari, preferendo il numero più grande 32 per la sorte di ambata. Esattamente al limite del ciclo di gioco previsto, al 15° colpo, ecco sortire il 7 agosto 2007, l’ambata 32 e l’ambo in terzina 32-4 ! Chiariamo ulteriormente con un secondo esempio:

Estrazione del 14 Luglio 2007

Sulla ruota di Bari si rilevano gli ambi 28-46 e 46-64, entrambi con distanza 18 e con in comune il numero 46. La formula è:

La-media-armonica-degli-estratti

dove n = al totale dei numeri coinvolti nel calcolo (nel nostro caso 3) e d = alla distanza comune eguale tra i due ambi considerati.

Lo sviluppo della formula è il seguente:

1:03 = 0,333
1:18 = 0,055

Da cui abbiamo:

1/0,333 x (0,055 x 2) = 1/ 0,333 x 0,11 = 1/ 0,03663 = 27,30

La parte intera del numero ottenuto, nel caso in esame 27, costituisce la distanza attendibile per il ricavo dell’ambata da porre in gioco sulla ruota di Bari per un massimo di 15 colpi. Nel caso illustrato, avremo:

28 + 27 = 55.01                  46 + 27 = 73.19                  64 + 27 = 01.37

Passeremo poi a sommare le varie coppie tra loro:

GRUPPO A                                         GRUPPO B                                         GRUPPO C

55+73 = 38                                         55+01 = 56                                         73+01 = 74
01+19 = 20                                         01+37 = 38                                         19+37 = 56
55+19 = 74                                         55+37 = 02                                         73+37 = 20
01+73 = 74                                         01+01 = 02                                         19+01 = 20

Dalle operazioni di somma si evidenzia la ripetizione dei numeri 74-02-20 che costituiscono una valida terzina da puntare per il gioco di ambo sulla ruota di Bari, preferendo il numero più grande 74 per la sorte di ambata. Al 12° colpo, ecco sortire l’11 agosto 2007, l’ambata 74.

La conferma del calcolo e, quindi, della validità della previsione, è data solo dalla ripetizione nelle somme di ciascuna coppia (Gruppo A, B o C). E’ chiaro che la ripetizione incrociata anche del 74 (che compare nel gruppo A e C) e del 20 (idem) non fanno altro che “indicarci” che questi due numeri, per la sola sorte di ambata, sono “più forti” rispetto al 2 (cosa che viene confermata dall’esito con l’uscita del 74). Inoltre la ripetizione di altri due numeri, il 38 (nel gruppo A e B) ed il 56 (nel gruppo B e C), ci indica che questi elementi sono altamente probabili ad accoppiarsi all’ambata o ad uno degli altri due numeri della terzina.

E, tanto per cambiare, la conferma ci viene proprio dalla estrazione dell’11 agosto 2007, quando, oltre all’ambata 74 si osserva la sortita dell’ambo secco 74-38! Quanto abbiamo illustrato sia di guida per un gioco razionale e ponderato.

Category: Tecniche di previsione - Lotto

Lascia una risposta