Il Codice Fabarri – Parte Quinta

aprile 23, 2013 | 0 Commenti

Continuiamo nella trattazione del “Codice Fabarri” che sta incontrando il favore degli utenti che ci seguono con sempre maggiore interesse e con soddisfazioni economiche crescenti. Nella quarta parte, analizzando l’estrazione del 13 dicembre 2012, abbiamo illustrato la seconda delle 3 possibili previsioni applicabili con il codice:

fabarri-codice fabarri-tecniche fabarri-tecniche di previsione-lotto
Delle tre possibili previsioni, due scaturite dalla somma 91 (Cagliari 62 + Firenze 29 e Torino 9 + Ruota Nazionale 82) ed una dalla somma 90 (Bari 1 + Milano 89) abbiamo esaminato quest’ultima ricavando dai 5 ambi uniti di ciascuna delle due ruote:

fabarri-codice fabarri-tecniche fabarri-tecniche di previsione-lotto

il valore integrativo della somma di ciascun ambo al fisso 91, della distanza al fisso 45 ed, infine, lo sviluppo del relativo ambo di proiezione mediante la semplice operazione (somma + distanza) /2 per ricavare il primo elemento, mentre il secondo è stato calcolato dalla integrazione del primo elemento alla somma. Riportiamo il prospetto delle operazioni di calcolo e, stavolta, contrariamente a quanto abbiamo fatto negli scorsi appuntamenti, ci soffermeremo ad esaminare i 10 ambi di proiezione che andiamo a ricavare.

Ecco il prospetto:

fabarri-codice fabarri-tecniche fabarri-tecniche di previsione-lotto

I dieci ambi ricavati (leggendo orizzontalmente i valori del 1° elemento e del 2° elemento) che abbiamo evidenziato in rosso nella tabella, costituiscono una eccellente alternativa al gioco delle cinquine illustrato nei nostri precedenti appuntamenti. Molto spesso, uno o più degli ambi ottenuti (che sono detti, ricordiamo, ambi di proiezione), tendono a riprodursi su una delle due ruote in gioco con una regolarità impressionante. Nel caso che stiamo esaminando si ebbe questo straordinario esito:

al 2° colpo, in data 18/12/2012 su Milano sortirono gli ambi 55-24 e 51-21
al 3° colpo, in data 20/12/2012 su Bari sortì l’ambo 36-8

Tralasciando il non trascurabile fatto che si sarebbero centrati su Milano ben 4 dei 5 estratti del 18/12/2012, limitandoci al solo gioco dei 10 ambi, vi sarebbe da osservare immediatamente che, avendo ottenuto la vincita dopo sole due estrazioni, dovendo puntare 10 ambi su due ruote, ipotizzando anche la sola posta di 1 euro per ciascun ambo, si sarebbero spesi, complessivamente, 40 euro per incassarne ben 470 (due ambi da 235 euro netti) con un utile superiore al 1000% della posta impiegata (12 volte circa la spesa). Quello illustrato potrebbe sembrare solo un caso del tutto fortuito. Ma siamo lieti di poter smentire i possibili denigratori elencando semplicemente gli esiti delle altre due previsioni possibili sempre tratte dalla medesima estrazione del 13/12/2012.

Ecco gli ambi ricavabili dalla prima di esse (ruote di Cagliari e Firenze) che abbiamo, tra l’altro, già illustrato nelle parti precedenti della tecnica:

fabarri-codice fabarri-tecniche fabarri-tecniche di previsione-lotto

Ed ecco, infine, la serie dei 10 ambi ricavati dalla terza previsione possibile, generata dalla coppia di ruote Torino-Ruota Nazionale:

Il-codice-Fabarri-Parte-5_5

Orbene, se è vero che “due indizi costituiscono una prova”, nel nostro caso di “indizi“ ne abbiamo 3 su 3 casi possibili, cosa che ci indica che la “provaè quasi inconfutabile ! Ma, visto che trattasi di una previsione ciclometrica che, come più volte abbiamo avuto modo di affermare da queste pagine, necessita di essere seguita per un periodo di almeno 12-15 estrazioni, la mole di formazioni in gioco (10 ambi), vista la grama situazione economica in cui versa l’Italia, potrebbe costituire un problema per quanti possono seguire il gioco solo con pochi euro ad estrazione.

E qui ci viene in aiuto il Codice Fabarri mediante il quale, come illustreremo prossimamente, possiamo ridurre drasticamente il numero delle formazioni in gioco senza, per questo, intaccare le probabilità di vincita.

Non perdete i prossimi appuntamenti.

Category: Tecniche di previsione - Lotto

Lascia una risposta