Fatti… non parole

febbraio 10, 2013 | 0 Commenti

Si tratta di una tecnica ciclometrica che, come tale, ha dato risultati nel passato, sta dando risultati nel presente e ne darà anche in futuro, con 1, 2, 3 o quante estrazioni mai si potranno giocare settimanalmente al lotto.

Solo 4 numeri in gioco e per di più a ruota fissa. Un modo ideale per giocare senza grande impegno economico e con ottime probabilità di passare spesso all’incasso !

I concetti fondamentali

Il metodo sfrutta principalmente due tipologie di formazioni ed il concetto delle cadenze. Alla base del gioco vi sono gli ambi diametrali che ricordiamo, per quanti non avessero dimestichezza, sono i 45 ambi di seguito riportati:

lotto-ambi-diametrali

Secondo elemento fondamentale è la presenza di un terzo numero che sia o appartenente ad una delle terzine simmetriche:

lotto-terzine-simmetriche
oppure che sia un numero in cadenza di uno dei due elementi dell’ambo diametrale a distanza ciclometrica 20.

Che cosa è “Fatti… non parole”

Questo metodo, quindi, opera su una sola ruota e pone in gioco 4 numeri. Due elementi ricoprono il ruolo di “capo-gioco” e possono essere puntati anche per la sorte di ambata. Altri due costituiscono gli abbinamenti per la sorte di ambo o maggiori.

Personalmente consiglio di giocare una unica bolletta di 4 numeri puntando per ambo e terno (magari qualche centesimo anche sulla quaterna, hai visto mai !).

Il gioco va seguito per come segue:

  • Se si gioca per la sorte di ambata al limite delle 9 estrazioni (due numeri per la sorte di uno), ovvero il 50% del ciclo teorico di uscita di un numero a ruota fissa (che ricordiamo, per convenzione, è fissato in 18 estrazioni)
  • Se si gioca per ambo e sorti maggiori, essendo un metodo ciclometrico, il gioco va seguito al limite delle 15 estrazioni almeno, anche se il ciclo teorico ne richiederebbe almeno 24

Le condizioni ottimali

Abbiamo individuato delle condizioni ottimali di gioco, ovvero situazioni in cui è davvero difficile non riscontare un esito positivo quanto meno di ambata.
Quando riscontrerete la formazione di 3 numeri che apre il gioco controllate se:

  • vi sia il “simmetrico” anziché il “distanza 20”
  • l’ambo diametrale sia sortito solo una volta in tutte le 11 ruote
  • i tre numeri siano stati estratti consecutivamente o in posizione alterne (1°-3°-5° estratto)
  • il terzo elemento (il simmetrico o il distanza 20) non sia presente nelle due ruote precedenti e seguenti quella in cui avete riscontrato la condizione (ad esempio, se la condizione l’avete trovata a Napoli, accertatevi che il terzo elemento non sia presente ne a Milano ne a Palermo)

Bene, se sono state rispettate le regole sopra riportate sarete in condizione ottimale.

La consultazione della tabella

Per rendere quanto mai semplice il gioco, anche per i neofiti, abbiamo “costruito” una tabella che vi permetterà, senza dover effettuare alcun calcolo, di selezionare immediatamente i numeri da mettere in gioco.

Basterà controllare la terna di numeri uscita come condizione per poter immediatamente disporre della previsione. Se, ad esempio, fosse uscita la terna 1-46-71 (la prima delle tabelle allegate) avrete come previsione 12 e 44 (i primi due elementi che corrispondono alla terna uscita) come capo-gioco ed eventuali ambate ed i numeri 19 e 38 come abbinamento per le sorti maggiori, ovvero la quartina 12-44-19-38. Credo che più semplice di così non si possa.

Noi vi consigliamo di giocare così

Alcune indicazioni che riteniamo utile fornire allo scommettitore ed un tipo di gioco che, evitando grosse esposizioni in denaro, permette di divertirsi e passare spesso e volentieri alla cassa e, cosa non trascurabile, nel compendio di un periodo di gioco di 3, 6 o 12 mesi, non accusare remissioni ma un piccolo utile:

  • Come per tutti i metodi ciclometrici non forzare mai la previsione, ovvero se non è ricavabile perché le condizioni non ci sono, evitando di inventarsele o costruirle in modo artificioso
  • Non mettere mai in gioco le previsioni che presentino uno sfaldamento anticipato dei capo gioco o dell’ambo nelle 4-6 estrazioni precedenti a quella di calcolo (la prudenza deve guidarci, anche se non sono infrequenti i casi in cui, benché già sfaldata, la previsione tenda a ripetere un esito positivo) 
  • Non mettere in gioco quelle previsioni che presentino come capo gioco uno dei due numeri della coppia di partenza prescelta
  • Per abbreviare i tempi di attesa si preferisca mettere in gioco le previsioni che abbiano già “maturato” qualche colpo di attesa
  • Non mettere in gioco quelle previsioni che presentino come capo gioco un numero che abbia già collezionato più di 50 turni di attesa. Il più delle volte il numero è entrato nell’orbita dei ritardi e non si presenta nelle estrazioni successive

Un esempio pratico del gioco

Questo presentato è un esempio pratico di come si debba procedere al ricavo della previsione:

Estrazione del 29/01/2009

Si rileva sulla RUOTA NAZIONALE l’ambo diametrale 6-51 e la presenza del numero 81 simmetrico del 51. Consultando la tabella in corrispondenza della terna 6-51-81 si trova la quartina 32-64-9-18. Dopo 5 estrazioni esce sulla RUOTA NAZIONALE il terno 64-9-18.

Conclusioni

Nel periodo esaminato di 3000 estrazioni abbiamo valutato 771 casi giocabili con i seguenti esiti:

  • In 617 casi su 771 (80 %) dei casi giocabili si è sfaldata almeno l’ambata principale con un tempo medio di attesa di 6,91 colpi giocati
  • Dei 771 casi giocabili in 302 eravamo nelle condizioni ottimali di gioco che hanno prodotto 272 esiti positivi (pari al 90%) su 302.
  • Nei 302 casi ottimali si sono avuti 59 (20%) ambi secchi principali (tempo medio di attesa  8,99  colpi) ed 82 ambi secondari (tempo medio di attesa 6,6 colpi) per un totale di 141 ambi (47%).

lotto-terne-previsioni-estratti

Tabella di riferimento: TERNA = Formazione di sortita (CONDIZIONE) – PREVISIONE = Numeri da mettere in gioco ( I capogioco sono i primi 2)

Category: Tecniche di previsione - Lotto

Lascia una risposta