Come si chiude correttamente una Struttura Figurale – Parte Prima

marzo 9, 2014 | 1 Commento

Di fronte alle numerose richieste formulateci, riteniamo doveroso puntualizzare ed indicare quale sia, ciclometricamente parlando, il corretto modo di chiudere una “struttura figurale”, ovvero un gruppo di numeri che presentino medesima figura. Tanto per cominciare chiariamo che, un siffatto gioco, necessita di pazienza e costante applicazione. Non siamo in presenza delle semplici operazioni di somma di fissi ma, invece, occorre ragionare attentamente per costruire un impianto credibile e che dia, poi, dei risultati tangibili, senza chiaramente perdere di vista la realtà.

Perciò non immaginatevi terni e quaterne (anche se alcuni nostri esempi dimostreranno proprio il contrario) ma siate razionalmente e moralmente predisposti ad ….. accontentarvi della semplice vincita dell’ambo che, come sempre, premia lo scommettitore in caso di gioco ristretto. Prendiamo una estrazione ed utilizziamola per chiarire al meglio.

Estrazione del 4/9/1999

Come-si-chiude-correttamente-una-struttura-figurale_1

Abbiamo evidenziato le formazioni su cui opereremo e che, per la precisione, sono:

BARI 41-59 / GENOVA 32                            IN FIGURA 5 (caselle a sfondo grigio)

FIRENZE 78-51 / PALERMO 24                   IN FIGURA 6 (caselle a sfondo verde)

CAGLIARI 69 / FIRENZE 6-78                      IN FIGURA 6 (caselle a sfondo arancio)

CAGLIARI 31 / GENOVA 13-85                   IN FIGURA 4 (caselle a sfondo celeste)

Da quanto sopra riportato si evidenziano immediatamente delle regole fondamentali affinché queste formazioni siano utili alla nostra causa:

  • Tutti i numeri devono appartenere alla stessa figura;
  • Tutte le strutture devono essere composte da 3 numeri, di cui 2 su una ruota ed il restante su una diversa (a tal riguardo vanno preferite sempre le ruote consecutive o diametrali);
  • Deve sussistere il vincolo della isotopia tra i due elementi sortiti sulle due ruote diverse;
  • Ulteriore requisito, facoltativo e non vincolante, è la presenza di una coppia diametrale (ciò genera, come vedremo, una sola chiusura).

Detto questo partiamo dall’esame della prima struttura evidenziata, relativa alla coppia 41-59 di Bari ed al numero 32 sortito su Genova. Disponiamo gli estratti nel rigoroso ordine di sorteggio:

 Come-si-chiude-correttamente-una-struttura-figurale

La struttura sopra riportata evidenzia, pertanto, tre distanze note, quella orizzontale +18 (tra 41 e 59), quella verticale – 9 (tra 41 e 32) e quella diagonale – 27 (tra 59 e 32). Fate molta attenzione ai segni posti davanti alle distanze: essi servono ad indicare in che modo, se progressivo o regressivo, ci si muove sul cerchio ciclometrico. Per chiudere la formazione dovremo, pertanto, ricercare un 4 elemento (X) che rispetti simmetricamente le distanze già espresse dalla terna di numeri considerata. Quindi il numero X dovrà essere:

  • a distanza – 9 dal 59, e quindi potrebbe essere il numero 50 (59-9= 50);
  • a distanza +18 dal numero 32, e quindi ciò conferma che potrebbe essere il 50 (32+18 = 50)
  • a distanza –27 dal numero 41, e ciò, invece, ci indica che potrebbe essere il numero 14 (41-27 = 14)

Ma vediamo, considerando, entrambe le ipotesi, cosa accadrebbe alle nostre distanze:

Prima Ipotesi A ( X=50 )

Come-si-chiude-correttamente-una-struttura-figurale

In questo caso rispetteremmo le distanze verticali ed orizzontali – 9 e +18, ma non quella diagonale che sarebbe + 9 invece di –27. Eliminando i segni avremmo comunque una struttura quadratica la cui somma delle distanze è 18+18+9+9+27+9 = 90.

Seconda Ipotesi B ( X=14 )

Come-si-chiude-correttamente-una-struttura-figurale

In questo caso non rispetteremmo le distanze verticali ed orizzontali – 9 e +18 che risulterebbero, invece, + 45 e – 18, ma solo quella diagonale –27. Inoltre, solo conteggiando algebricamente (segno compreso) le distanze, avremmo la somma delle distanze pari a 90. Infatti: (+18) + (-18) = 0  / (-9)+(+45) = 36 / (-27)+(-27) = 54 e quindi 36+54 = 90.

Cosa significa tutto ciò ? Che, in sostanza, abbiamo due numeri di chiusura, il 50 ed il 14, entrambi validi. Come regolarsi ? Semplice, la risposta la si affida ai futuri estratti. Infatti i due elementi di chiusura diventano due numeri di attesa che bisogna aspettare escano su una delle due ruote interessate. Al colpo immediatamente successivo, in data 8/9/1999, ecco su Genova uscire il 14. Ciò significa che la struttura che si è realmente chiusa è quella “B”.

Quindi possiamo ipotizzare un primo gioco, quello della messa in gioco degli elementi di somma della quadratura dei quattro numeri 41-59-32-14:

Come-si-chiude-correttamente-una-struttura-figurale

La previsione ristretta, è quella che vede in gioco la somma comune 73 con le due somme orizzontali 10 e 46 (cosa che genera anche due ambi equivalenti per distanza, 73-10 e 73-46 entrambi di distanza ciclometrica 27, il valore della distanza diagonale dell’impianto di partenza … ricordate?).

La previsione, per così dire, allargata pone in gioco l’intera sestina 73-56-46-10-1-55 per ambo e terno sulle due ruote di base. Trascorreranno ben 17 estrazioni prima di veder premiati gli sforzi, con la sortita dell’ambo 73-55, facente parte della previsione ristretta, sulla ruota di Genova.

Category: Tecniche di previsione - Lotto

Commenti (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. LUMINOTTO scrive:

    Puo fare un esempio con i passaggi per numeri diametrali evidenziando come si mette in opera la previsione.grazie

Lascia una risposta