La Cabala del 1° estratto

January 16, 2013 | 0 Commenti

Quando lo scommettitore approccia il gioco utilizzando una “cabala” è bene sia cosciente che tali regole, non avendo alcunché di scientifico, possono funzionare alla grande per alcuni periodi, anche lunghi, e poi, senza alcun preavviso, risultare le altrettanti lunghi periodi clamorosamente perdenti.  Questo significa che l’utilizzo di una cabala al lotto va sempre affrontato con la massima cautela. Il fatto che le presentiamo in questo apposito spazio va considerato come mera informazione e senza alcuna pretesa di formulare procedimenti che abbiano una loro validità e giustificazione basata su fondamenti scientifici.

Quella che presentiamo è nota come la “Tabella dei trappisti” un ordine religioso che, a cavallo degli anni ’50 era largamente presente nel Sud Italia. Qualche bontempone (usiamo questo termine per carità cristiana …) ha inteso spacciare questa tabella come eredità di un personaggio realmente esistito “Il Monco di San Ferdinando” (un disabile vissuto nel primo dopoguerra nel paese di San Ferdinando di Puglia), ricamandoci sopra storie e storielle di bassa tacca.

Ma è un falso clamoroso. La tavola, che presentiamo, è opera di un non meglio identificato frate “trappista” e ve ne è ampia traccia tra gli studiosi “seri” ed i cultori del lotto. Ecco la tabella:

cabala-del-primo-estratto

Il suo utilizzo è, a dir poco, elementare.

Scegliete una ruota, ed in base al primo estratto, metterete in gioco i due numeri che ad esso corrispondono per un massimo di 9 estrazioni.

Sul fatto che questa tabella sia una “cabala” non credo ci possano essere equivoci:

Estrazione del 4 Agosto 2012

cabala-del-primo-estratto
Non fatevi prendere da facili entusiasmi e giocate sempre con criterio.

Category: Cabala e Metodi antichi

Leave a Reply